Amarone della Valpolicella
Amarone della Valpolicella Classico

Amarone della Valpolicella nato per un errore di fermentazione del Recioto

L’Amarone​ ​è​ ​un​ ​vino​ ​rosso​ ​passito​ ​secco​ ​DOCG​ ​(Denominazione​ ​di​ Origine​ ​ ​Controllata e Garantita) che può essere ​prodotto​ ​solamente​ in​ ​​Valpolicella​.​ ​La Valpolicella è un territorio a nord di Verona, in Veneto, vicino al lago di Garda.

Il suo nome deriva proprio dall’aggettivo​ ​“amaro”​ ​che​ ​lo​ ​distingue​ ​in​ ​sapore​ ​dal​ ​fratello​ ​più​ ​dolce,​ ​il​ ​Recioto.​ ​Proprio​ ​così,​ ​negli anni​​ trenta ​​del ​​novecento,​ ​lo ​​chiamò ​​il​​ capocantina​​ Adelino​​ Lucchese​​ esclamando:​ “​ ​Questo ​​non ​​è un​ ​Amaro,​ ​è​ ​un​ ​Amarone!

Infatti, l’Amarone​ ​della​ ​Valpolicella​ ​nonostante​ ​vanti​ ​una​ ​fama​ ​a​ ​livello​ ​mondiale,​ ​ha​ ​una​ ​storia molto​ ​recente​ ​e​ ​quasi​ ​“casuale”,​ ​la​ ​sua​ ​origine​ ​avvenne​ ​per​ ​un​ ​vero​ ​e​ ​proprio​ ​errore!

La differenza tra l’Amarone e il Recioto

Amarone e Recioto sono vini​ ​sono​ ​ottenuti​ ​da uve​ ​appassite​ ​di​ ​Corvina,​ ​Corvinone,​ ​Rondinella,​ ​Oseleta​ ​e​ N​​egrara​. Rraccolte​ ​manualmente​ ​a settembre e ​lasciate​ ​ad​ ​appassire​ ​naturalmente​ ​in​ ​cassettine.​ ​

Il​ ​succo​ ​contenuto negli​ ​acini​ ​si​ ​concentra​ ​naturalmente​ ​e​ ​a​ ​gennaio,​ ​quando​ ​le​ ​uve​ ​vengono​ ​poi​ ​pigiate,​ ​le concentrazioni​ ​zuccherine​ ​risultano​ ​molto​ ​alte.

Permettendo​ ​di​ ​sviluppare​ ​vini​ ​altrettanto​ ​strutturati ed​ ​importanti.

Questa tecnica viene chiamata Appassimento. Durante​ ​questa​ ​fase​ ​è​ ​richiesta​ ​una​ ​costante​ ​cura​ ​per​ ​gli​ ​acini​ ​ed​ ​una​ ​particolare​ ​attenzione​ ​per l’umidità.​ ​ L’acqua​ ​contenuta​ ​negli​ ​acini​ ​sparisce​ ​aumentando​ ​così​ ​la concentrazione​ ​degli​ ​zuccheri​ ​e​ ​successivamente​ ​l’uva​ ​viene​ ​pigiata​ ​per​ ​poi​ ​essere​ ​lasciata​ ​ad​ ​una lenta fermentazione.

La​ ​differenza​ ​principale​ ​tra​ Amarone​ ​e​ ​il​ ​Recioto,​ ​sta​ ​proprio​ ​nella​ ​fermentazione. Nell’Amarone​ ​tutta​ ​la​ ​parte​ ​zuccherina​ ​viene​ ​trasformata​ ​in​ ​parte​ ​alcolica​ ​ottenendo​ ​un​ ​vino strutturato,​ ​deciso​ e tannico.​ ​Nel​ ​Recioto​ ​invece​ ​la​ ​fermentazione​ ​viene​ ​interrotta​ ​a​ ​metà​ ​in​ ​modo da​ ​ottenere​ ​un​ ​vino​ ​da​ ​dessert,​ ​con​ ​una​ ​parte​ ​zuccherina​ ​importante.

Amarone, Recioto, Amarone Forlago
Amarone, Recioto, Amarone Forlago
Tappi in sughero naturale per Amarone

Amarone, nato per errore

La nascita dell’Amarone è stato un errrore,  si​ ​narra, infatti,​ ​che​ ​sia​ ​nato​ ​da​ ​una​ ​botte​ ​di​ ​Recioto​ ​dimenticata.  I​ ​lieviti naturali​ ​presenti​ ​nel​ ​vino​ ​hanno​ ​continuato​ ​a​ ​fermentare​ ​e​ ​a​ ​trasformare​ ​tutto​ ​lo​ ​zucchero​ ​in​ ​alcool, rendendo​ ​il​ ​dolce​ ​Recioto​ ​un​ ​vino​ ​secco,​ ​​amaro​.

Al​ ​tempo​ ​fu​ ​ritenuto​ ​davvero​ ​un​ ​grande​ ​sbaglio​ ​perché​ ​storicamente​ ​il​ ​Recioto​ ​era​ ​ritenuto un​ ​vino​ ​più​ ​prestigioso.​ ​

Questo​ ​però​ ​è​ ​stato​ ​un​ ​buon​ ​errore​ ​perché​ ​l’Amarone​ ​della​ ​Valpolicella​ ​in soli​ ​70​ ​anni​ ​di​ ​vita​ ​è​ ​diventato​ ​davvero​ ​famoso​ ​e​ ​apprezzato​ ​dappertutto.

Come abbinare l’Amarone

L’Amarone​ ​della​ ​Valpolicella​ ​è​ ​un​ ​vino​ ​che​ ​non​ ​ha​ ​sempre​ ​bisogno​ ​di​ ​abbinamenti,​ ​è​ ​ritenuto​ ​infatti​ ​un vino​ ​da​ ​meditazione,​ ​che​ ​da​ ​solo​ ​dà​ ​il​ ​meglio​ ​di​ ​sé:​ ​con​ ​tutti​ ​i​ ​suoi​ ​forti​ ​sapori​ ​ed​ ​i​ ​suoi​ ​profumi.

In​ ​ogni​ ​caso​ ​prima​ ​di​ ​degustarlo,​ ​si​ ​consiglia​ ​di​ ​decantare​ ​l’Amarone​ ​qualche​ ​ora​ ​di​ ​anticipo​ ​affinché possa​ ​ben​ ​arieggiare​ ​ed​ ​esprimere​ ​tutte​ ​le​ ​sue​ ​potenzialità.

L’Amarone Forlago è un ottimo vino da meditazione mentre l’Amarone tradizionale si abbina bene con formaggio stagionti (Grana Padano, Parmigiano Reggiano e Monte Veronese). Con carni rosse (agnello, cinghiale, selvaggina, vitello). A Verona è tipico il Risotto all’Amarone e la carne di cavallo.

Il nostro Amarone

Amarone della Valpolicella
Amarone della Valpolicella Classico
Amarone della Valpolicella Forlago
Rosso Veronese IGT Raffaello
Grappa di Amarone

Ed ecco l’opinione di Tommaso sulla vendemmia dell’Amarone 2018:

E qui vediamo il travaso dell’Amarone: peccato non poter tramettere i profumi!