Amarone della Valpolicella
Amarone

Amarone della Valpolicella nato per un errore di fermentazione del Recioto

L’Amarone​ ​è​ ​un​ ​vino​ ​rosso​ ​passito​ ​secco​ ​DOCG​ ​(Denominazione​ ​di​ Origine​ ​ ​Controllata e Garantita) che può essere ​prodotto​ ​solamente​ in​ ​​Valpolicella​.​ ​La Valpolicella è un territorio a nord di Verona, in Veneto, vicino al lago di Garda.

Il suo nome deriva proprio dall’aggettivo​ ​“amaro”​ ​che​ ​lo​ ​distingue​ ​in​ ​sapore​ ​dal​ ​fratello​ ​più​ ​dolce,​ ​il​ ​Recioto.​ ​Proprio​ ​così,​ ​negli anni​​ trenta ​​del ​​novecento,​ ​lo ​​chiamò ​​il​​ capocantina​​ Adelino​​ Lucchese​​ esclamando:​ “​ ​Questo ​​non ​​è un​ ​Amaro,​ ​è​ ​un​ ​Amarone!

Infatti, l’Amarone​ ​della​ ​Valpolicella​ ​nonostante​ ​vanti​ ​una​ ​fama​ ​a​ ​livello​ ​mondiale,​ ​ha​ ​una​ ​storia molto​ ​recente​ ​e​ ​quasi​ ​“casuale”,​ ​la​ ​sua​ ​origine​ ​avvenne​ ​per​ ​un​ ​vero​ ​e​ ​proprio​ ​errore!

La differenza tra l’Amarone e il Recioto

Amarone e Recioto sono vini​ ​sono​ ​ottenuti​ ​da uve​ ​appassite​ ​di​ ​Corvina,​ ​Corvinone,​ ​Rondinella,​ ​Oseleta​ ​e​ N​​egrara​. Rraccolte​ ​manualmente​ ​a settembre e ​lasciate​ ​ad​ ​appassire​ ​naturalmente​ ​in​ ​cassettine.​ ​

Il​ ​succo​ ​contenuto negli​ ​acini​ ​si​ ​concentra​ ​naturalmente​ ​e​ ​a​ ​gennaio,​ ​quando​ ​le​ ​uve​ ​vengono​ ​poi​ ​pigiate,​ ​le concentrazioni​ ​zuccherine​ ​risultano​ ​molto​ ​alte.

Permettendo​ ​di​ ​sviluppare​ ​vini​ ​altrettanto​ ​strutturati ed​ ​importanti.

Questa tecnica viene chiamata Appassimento. Durante​ ​questa​ ​fase​ ​è​ ​richiesta​ ​una​ ​costante​ ​cura​ ​per​ ​gli​ ​acini​ ​ed​ ​una​ ​particolare​ ​attenzione​ ​per l’umidità.​ ​ L’acqua​ ​contenuta​ ​negli​ ​acini​ ​sparisce​ ​aumentando​ ​così​ ​la concentrazione​ ​degli​ ​zuccheri​ ​e​ ​successivamente​ ​l’uva​ ​viene​ ​pigiata​ ​per​ ​poi​ ​essere​ ​lasciata​ ​ad​ ​una lenta fermentazione.

La​ ​differenza​ ​principale​ ​tra​ Amarone​ ​e​ ​il​ ​Recioto,​ ​sta​ ​proprio​ ​nella​ ​fermentazione. Nell’Amarone​ ​tutta​ ​la​ ​parte​ ​zuccherina​ ​viene​ ​trasformata​ ​in​ ​parte​ ​alcolica​ ​ottenendo​ ​un​ ​vino strutturato,​ ​deciso​ e tannico.​ ​Nel​ ​Recioto​ ​invece​ ​la​ ​fermentazione​ ​viene​ ​interrotta​ ​a​ ​metà​ ​in​ ​modo da​ ​ottenere​ ​un​ ​vino​ ​da​ ​dessert,​ ​con​ ​una​ ​parte​ ​zuccherina​ ​importante.

Amarone, Recioto, Amarone Forlago
Amarone, Recioto, Amarone Forlago
Tappi in sughero naturale per Amarone

Amarone, nato per errore

La nascita dell’Amarone è stato un errrore,  si​ ​narra, infatti,​ ​che​ ​sia​ ​nato​ ​da​ ​una​ ​botte​ ​di​ ​Recioto​ ​dimenticata.  I​ ​lieviti naturali​ ​presenti​ ​nel​ ​vino​ ​hanno​ ​continuato​ ​a​ ​fermentare​ ​e​ ​a​ ​trasformare​ ​tutto​ ​lo​ ​zucchero​ ​in​ ​alcool, rendendo​ ​il​ ​dolce​ ​Recioto​ ​un​ ​vino​ ​secco,​ ​​amaro​.

Al​ ​tempo​ ​fu​ ​ritenuto​ ​davvero​ ​un​ ​grande​ ​sbaglio​ ​perché​ ​storicamente​ ​il​ ​Recioto​ ​era​ ​ritenuto un​ ​vino​ ​più​ ​prestigioso.​ ​

Questo​ ​però​ ​è​ ​stato​ ​un​ ​buon​ ​errore​ ​perché​ ​l’Amarone​ ​della​ ​Valpolicella​ ​in soli​ ​70​ ​anni​ ​di​ ​vita​ ​è​ ​diventato​ ​davvero​ ​famoso​ ​e​ ​apprezzato​ ​dappertutto.

Come abbinare l’Amarone

L’Amarone​ ​della​ ​Valpolicella​ ​è​ ​un​ ​vino​ ​che​ ​non​ ​ha​ ​sempre​ ​bisogno​ ​di​ ​abbinamenti,​ ​è​ ​ritenuto​ ​infatti​ ​un vino​ ​da​ ​meditazione,​ ​che​ ​da​ ​solo​ ​dà​ ​il​ ​meglio​ ​di​ ​sé:​ ​con​ ​tutti​ ​i​ ​suoi​ ​forti​ ​sapori​ ​ed​ ​i​ ​suoi​ ​profumi.

In​ ​ogni​ ​caso​ ​prima​ ​di​ ​degustarlo,​ ​si​ ​consiglia​ ​di​ ​decantare​ ​l’Amarone​ ​qualche​ ​ora​ ​di​ ​anticipo​ ​affinché possa​ ​ben​ ​arieggiare​ ​ed​ ​esprimere​ ​tutte​ ​le​ ​sue​ ​potenzialità.

L’Amarone Forlago è un ottimo vino da meditazione mentre l’Amarone tradizionale si abbina bene con formaggio stagionti (Grana Padano, Parmigiano Reggiano e Monte Veronese). Con carni rosse (agnello, cinghiale, selvaggina, vitello). A Verona è tipico il Risotto all’Amarone e la carne di cavallo.

Il nostro Amarone

Amarone della Valpolicella
Amarone
Amarone Forlago
Amarone della Valpolicella Forlago
Rosso Veronese IGT Raffaello
Grappa di Amarone

Ed ecco l’opinione di Tommaso sulla vendemmia dell’Amarone 2018:

E qui vediamo il travaso dell’Amarone: peccato non poter tramettere i profumi!

Ecco alcune domande frequenti:

  1. Quanto costa una bottiglia di Amarone?
    • Il costo di una bottiglia può variare di molto: l’annata, il produttore, la selezione può far lievitare il prezzo di molto. Una bottiglia di qualità può costare dai 30 ai 50 euro se acquistato direttamente dal produttore.
  2. Quanto tempo prima aprire una bottiglia di Amarone?
    • E’ davvero importante ossigenare il vino prima della degustazione: è una bottiglia importante e consigliamo di aprirla almeno due ore prima. Appena aperto è chiuso e ossigendandolo si apre scoprendo i profumi e piacevolezza.
  3. Perché si chiama Amarone?
    • Il nome deriva dalla parola “amaro” per poterlo distinguere dal dolce Recioto e per identificare la sua caratteristica di vino secco e strutturato (leggete sopra per maggiori dettagli!).
  4. Qual è il miglior Amarone della Valpolicella?
    • Sicuramenete la selezione Forlago, così difficile da produrre ma alla fine otteniamo un vino da meditazione incredibile. Ovviamente in questa risposta siamo di parte! 🙂
  5. Cosa si mangia con l’Amarone?
    • L’abbinamento ideale è con formaggi stagionati, carni rosse saporite come selvaggina, brasato, fiorentina, cinghiale. Nella tradizione veronese lo si abbina con il cavallo o ottimo il Risotto all’Amarone.
  6. Quando aprire una bottiglia di Amarone?
    • E’ un vino per occasioni speciali come un anniversario, un evento, un compleanno, Natale o Pasqua. Nulla vieta di aprirlo per poter gustare un ottimo calice di vino in un giorno normale!